Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Primo maggio 2017. Ritorna in centro a Bologna la «Dieci Colli – Gran Premio Assicoop»

di Maria C. Fogliaro

Dieci Colli 2017. Poster

A trentatré anni da quel primo maggio 1985, quando poco dopo l’alba più di trecento ciclisti si ritrovarono in Piazza Maggiore per partire alla conquista delle colline bolognesi, la «Dieci Colli – Gran Premio Assicoop», la granfondo cicloamatoriale organizzata dal Circolo tranvieri «Giuseppe Dozza», torna nel cuore della città di Bologna.

La manifestazione – quest’anno dedicata alla memoria di Michele Scarponi, il campione di ciclismo recentemente scomparso in un incidente stradale – partirà infatti domani mattina alle 8.00 da via Rizzoli e si concluderà ai Giardini Margherita, dove è stato allestito il «Villaggio Dieci Colli» (in piazzale Jacchia), già da oggi pronto per accogliere gli appassionati di ciclismo, le loro famiglie, e quanti vorranno prendere parte a quella che fin dall’inizio si è caratterizzata come una grande festa, capace di coinvolgere l’intera cittadinanza bolognese.

Dieci Colli ICome ogni anno la gara – che fa parte del circuito «Romagna Challenge» e del «Trittico dei Sapori» -, dopo un inizio condiviso, si svilupperà attraverso due distinti giri: la storica granfondo, che impegnerà i ciclisti per circa 167 chilometri, e la mediofondo, con un percorso di 86 chilometri. Gli appassionati di enogastronomia potranno, invece, prendere parte all’iniziativa «Pedalare con gusto», giunta all’undicesima edizione, che partirà dai Giardini Margherita fra le 8.30 e le 10.00, attraverserà i Comuni di Zola Predosa e di Anzola dell’Emilia, e si concluderà al «Villaggio Dieci Colli», dove sarà organizzato il tradizionale Pasta party.

Fra le novità si segnala la distribuzione ai partecipanti del Manuale del cicloturista sicuro e consapevole, frutto della collaborazione fra l’ufficio di Polizia Municipale di Loiano (uno dei comuni interessati dal passaggio della gara) e Lucio Filippucci, fumettista bolognese noto fra gli appassionati anche per essere uno dei disegnatori fissi di Martin Mystère, la serie a fumetti ideata da Alfredo Castelli e pubblicata dalla Sergio Bonelli Editore.

Da quattro anni sponsor principale della manifestazione è Assicoop Bologna, ma come sempre gliVillaggio Dieci Colli organizzatori hanno potuto contare sul sostegno delle istituzioni locali, di enti, aziende e associazioni del territorio – fra le quali la FITeL Emilia-Romagna -, e soprattutto sul lavoro indispensabile dei volontari, che con generosità hanno seguito tutta la fase di preparazione della gara, e che – insieme alle Forze dell’ordine – saranno domani impegnati a presidiare incroci, strade, e a garantire in generale la sicurezza dei partecipanti.

Anche quest’anno il Circolo Dozza, in linea con lo spirito che ne sancì la nascita – mirante a coniugare tempo libero, solidarietà, volontariato e impegno sociale -, e guardando al futuro di uno sport amatissimo dai bolognesi, ha deciso di destinare una quota del ricavato delle iscrizioni a sostegno del «Gran Premio Città di Zola – Dieci Colli Giovani», la gara giovanile di ciclismo giunta alla ventinovesima edizione, organizzata dalla SC Ceretolese di Casalecchio di Reno.

Già una settimana fa oltre 1500 erano gli iscritti a una manifestazione che dal 1985 ha visto i partecipanti aumentare di anno in anno, e che Luciano Battistini – già organizzatore del «Giro dei 4 depositi Atc» – definì «la geniale pensata», fatta da William Busi, ideata negli spazi del Bar Ambra di Borgo Panigale, e sostenuta negli anni da Walter Diegoli, Francesco Corazza, William Damiani, Angelo Raspanti, insieme a tanti altri loro colleghi di lavoro e volontari.

Quella della «Dieci Colli» è una storia che parte dalla passione per il ciclismo e per lo sport a stretto contatto con la natura, ma che si intreccia con tutte le altre attività e iniziative del Circolo Dozza, che è stato e continua a essere un veicolo di diffusione di quei valori civici e di solidarietà fondamentali per la tenuta e la crescita culturale e sociale di una comunità.