Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

GLI EUROBOND CHE GIA’ CI SONO

The Golden Bough - William Turner

The Golden Bough – William Turner

di Andrea Sintini

In questi giorni si sente un gran parlare di eurobond come ultima spiaggia per difendere il progetto europeo, ma se quegli eurobond fossero già vivi e lottassero insieme a noi?

Mi si perdonerà l’ironia, ma francamente viene un po’ da sorridere quando i numeri parlano e nessuno li ascolta.

La banca centrale, infatti, sta già da molto tempo immettendo liquidità direttamente dentro il sistema delle banche europee(quindi dentro ai polmoni finanziari che danno prestiti alle imprese ed alle famiglie) ma soprattutto sta da molto tempo acquistando debito pubblico e, di fatto, sterilizzando il costo di parte dei debiti pubblici europei.

I vantaggi sono molteplici:

Nel primo caso (finanziamenti a istituzioni finanziarie) sta diminuendo il costo di pagamento dei finanziamenti (mutui, prestiti vari) utilizzando il sistema dei tassi negativ(la ecb paga le banche per prendere denaro)i in modo tale da provare a rilanciare la richiesta di investimenti in tutto il continente.

Nel secondo (stati) la ecb va indirettamente a finanziare il debito pubblico dei paesi restituendo, de facto, i proventi tassi di interessi e rendendo, di fatto, inesistente l’esborso in conto capitale degli stati del parte del debito.

Ad oggi sono circa 1000 i miliardi, destinati alle banche.

Questa cifra è destinare a salire di volume e diminuire di tasso (a giugno entrerà a regime il tasso del -1% per alcune tipologie di prestiti predefiniti).

Per quel che riguarda il debito pubblico le cifre sono molto superiori; a febbrio 2020, infatti, la banca centrale europea aveva acquistato 2744 miliardi di euro di assets.

Visto che, a discapito delle falsità distribuite a piene mano dai sovranisti, gli acquisti sono rigorosamente proporzionali alle quote di proprietà della ecb, che a loro volta rappresentano plasticamente la quota di Gdp (pil) dell’area euro dei singoli paesi,  la banca centrale europea aveva acquistato il 12.31% di questo stock (il cosiddetto capital key)  dal mercato mts ed altri corrispondente a 337.1 miliardi di bond italiani.

E cosa ci fanno gli europei (quindi anche noi) di tutte queste obbligazioni italiane? Le usano per strozzarci, come farebbe pensare tutta la retorica di Meloni, Salvini & co.? No, anzi. Le obbligazioni vengono detenute dalle banche nazionali, quindi nel nostro caso la banca d’Italia, e gli interessi vengono retrocessi al popolo italiano sotto forma di utili versati al ministero del tesoro.

Tutto qui? No.

Nei giorni nei quali il dibattito pubblico era incentrato solo sul fondo salva stati (il cosiddetto mes) la banca centrale europea decideva che: i capital keys potevano essere flessibili (quindi si sarebbe potuto acquistare un numero maggiori di bond italiani), avrebbe erogato altri 750 miliardi di fondi per l’acquisizione dei bond (leggi sterilizzazione interessi). Tutti convergono nel pensare che questa cifra sarà portata a 1000.

I 750 miliardi da soli sono già di molto superiori alla cifra massima concepita per gli euro bond. Di questi circa 93 miliardi con risparmi, mal contati, di 1.3 miliardi all’anno per il nostro paese.

Nel medio periodo il reinvestimento di tutti i bond in scadenza è, inoltre, garantito dalla ecb.

Tutto bene allora? I bond sono fatti? Non proprio. I bond europei sarebbero un enorme fonte di unità politica ed obbligherebbero, probabilmente, per la prima volta nella sua storia la UE ad impiegare direttamente bond per finanziare direttamente progetti comuni come infrastrutture, ricerca ed altro.

E’ difficile infatti pensare che poi questi bond, essendo appunto comuni, potrebbero essere spesi, se non in piccola parte, in progetti non condivisi.

Inoltre i bond europei potrebbero essere ceduti a tassi negativi (oggi il decennale bund quota -0.588) finendo per farci “guadagnare” sui soldi presi a prestito.

Ma anche con queste due ultime obiezioni è del tutto evidente come il dibattito sugli eurobond sia stato condotto da tutte le parti e da tutti i paesi in maniera propagandistica mirante al solo consenso dell’opinione pubblica non informata o ideologizzata.

L’Europa che, di nascosto, ci sta salvando lo sta facendo in silenzio per non aiutare i cugini di Salvini e Meloni all’estero…. Vogliamo davvero aiutare ad impiccarci dando una mano agli originali in Italia o per una volta vorremo essere seri prendendo queste cose per cosa sono: strumenti. E gli strumenti possono essere suonati bene o male, dipende solo dal musicista.

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>