Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La via della seta: presentazione all’Archiginnasio di Bologna il 17 gennaio

(in collaborazione con www.inchiestaonline.it )

Mercoledì 17 gennaio alle 17,30 nella Sala dello Stabat Mater della Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna avrà luogo la presentazione del volume di Franco Cardini e Alessandro Vanoli La via della seta: una storia millenaria fra Oriente e Occidente (Il Mulino 2017), primo incontro del 2018 della Società di Lettura. Ne discute con gli autori Giovanni Brizzi, professore dell’Università di Bologna, noto esperto di storia romana e di storia militare antica, fra i cui numerosi studi ricordiamo quelli sulle guerre puniche, su Annibale e Scipione, sulle guerre di Marco Aurelio, sulla nozione di limes. Coordina il dibattito Amina Crisma, sinologa, docente di Filosofie dell’Asia orientale all’Università di Bologna.

Della sterminata bibliografia di Franco Cardini, storico del Medioevo, professore emerito nell’Istituto Italiano di Scienze Umane e Sociali e Fellow dell’Università di Harvard, ci limitiamo a citare alcuni dei titoli più recenti: Gerusalemme (2012), Istambul (2014), Onore (2016), Samarcanda (2016). Fra i libri di Alessandro Vanoli, storico del Medioevo ed esperto di storia mediterranea, ricordiamo La reconquista (2009), Quando guidavano le stelle (2015), La Sicilia musulmana (2016), L’ignoto davanti a noi (2017).

Gli autori si autodefiniscono “due storici che hanno passato buona parte della loro vita a studiare come l’Europa e il Mediterraneo si spinsero verso Oriente”. Tale comune interesse li ha spinti a raccontare in questo libro la millenaria vicenda della via della seta, ossia della grande rete di strade che congiunge l’Europa all’Asia: “un percorso su cui poggiano le nostre radici”, per cui hanno transitato attraverso i secoli merci, uomini, tecniche, idee, spazio di conflitti, di scambi, di fertili interazioni culturali, che oggi assume una rinnovata e cruciale importanza a causa del gigantesco progetto strategico infrastrutturale yi dai yi lu (“One Belt, One Road, “una cintura una strada” ) che il governo cinese sta lanciando a partire da quegli antichi cammini: un progetto destinato a trasformare gli scenari del mondo globalizzato.

Su questo tema quanto mai attuale rinviamo all’articolo “Dall’antica alla nuova via della seta” di Maurizio Scarpari, curatore della omonima mostra (Roma dicembre 2016/febbraio 2017, Torino marzo/luglio 2017), pubblicato su Inchiestaonline (www.inchiestaonline.it ) il 27 dicembre 2016.

(in collaborazione con www.inchiestaonline.it )

A_bo_stabat_lg